Michele
Caccamo

Scrittore,Poeta,Editor

chi É michele caccamo

Michele Caccamo (1959) è uno scrittore, poeta, paroliere ed editore italiano. Pubblicato e tradotto in Egitto, Yemen, Indonesia, Siria, Palestina, Sud Asia, Russia, Cile, Argentina, Messico, Spagna, Francia, Stati Uniti ed Iran.

SERVIZI EDITORIALI A RICHIESTA

Valutazione manoscritti

Ghost writing

Revisione manoscritti

Servizio editing

Schede presentazione

Writing tutor

Libri recenti



  • Blog Item

    Gli abitanti pallidi

    "Ci hanno detto che avremmo dovuto imparare tutto l'alfabeto del dolore. E che avremmo dovuto tenere gli occhi spalancati perché il virus era mutabile[...]

    Vai alla Scheda
    Blog Item

    Fili di rame e d'amore

    L’organo aveva le canne sempre aperte e il filo spinato. La ragazza tentò di prenderlo tra le braccia, come fosse un piccolo lettino, e guardò le sue torri spuntate[...]

    Vai alla Scheda
    Blog Item

    Il segno clinico di Alda

    Il pensiero di Alda Merini attraverso la riscrittura di undici testi composti durante il ricovero nel manicomio di Taranto, tra il 1985 e il 1986;[...]

    Vai alla Scheda
  • Blog Item

    Con le mani cariche di rose

    Londra 1908. Una giovane donna si distende su un divano con un mazzo di violette. Una coppa di laudano tra le mani.[...]

    Vai alla Scheda
    Blog Item

    L'anima e il castigo

    Erede di una famiglia nobile, col suo piede caprino Ermanno porta il marchio del demonio nelle carni, castigo vivente per gli ignoti peccati dei suoi avi.[...]

    Vai alla Scheda
    Blog Item

    Intrappolati

    brahim è un giovane pescatore egiziano. Reclutato come scafista, accetta di partire, convinto di salvare se stesso e il carico umano che gli viene affidato.[...]

    Vai alla Scheda

Tutte le Pubblicazioni

2005

La stessa vertigine, la stessa bocca

Edizione Manni
prefazione di Raffaele La Capria

2006

Il pomo e la mela

Edizione Lietocolle

2007

Chi mi spazierà il mare

Edizione Zona
con la prefazione di Alda Merini e postfazione di Andrea Camilleri

2009

Manual de instrucciones

Madrid

2010

Lovesickness - Della mia infermità d'amore

Gradiva Publications New York
con prefazione di M. Grazia Calandrone. Edizione: Inglese e Italiano

2010

Poesie in un linguaggio di Luce

Poems in the language of Light con Munir Mezyed, con prefazioni di Alaa Eddin Ramadan e Franz Krauspenhaar. Edizioni in arabo, inglese e italiano

2012

Alakhar

(antologia, a cura di Adonis). 10 voci della Poesia Italiana Contemporanea, Siria

2013

Dalla sua bocca

Riscritture da undici appunti inediti
di Alda Merini.
con prefazione
di Maria Grazia Calandrone

2014

Chi mi spazierà il mare

Attakween Edizioni, Siria

2015

Le prove di esilio

Edizione Sillabe di sale

2016

La profezia delle triglie

con Luisella Pescatori, Edizione David and Matthaus
con la prefazione di Pietrangelo Buttafuoco

2016

Pertanto accuso

Edizione David and Matthaus

2017

La meccanica del pane

Edizione Castelvecchi

2017

Intrappolati

con Luisella Pescatori, Edizione Castelvecchi

2018

L'anima e il castigo

Edizione Castelvecchi

2019

Con le mani cariche di rose

Elliot Edizioni

2019

Il segno clinico di Alda

-

2020

Lamentazioni prima dell'amore

Elliot Edizioni

2020

Gli abitanti pallidi

Elliot Edizioni

2021

Fili di rame e d'amore

Elliot Edizioni
(Prossima uscita)

DICONO DI ME
  • Amore fisico, amore metafisico, liriche pregne di vorace desiderio di corpi in movimento ma altresì dischiuse a una idealità rara e rarefatta. Michele Caccamo conosce bene l’irregolarità dell’ode ma seduce la conclusione di ogni verso.
    Alda Merini

  • Raramente mi capita di imbattermi, in mezzo a centinaia di manoscritti, nei versi di un poeta autentico come Michele Caccamo. È una voce assolutamente singolare.
    Andrea Camilleri

  • Le poesie di Michele Caccamo, le ho apprezzate per il linguaggio mai banale e per la tematica religioso-esistenziale così difforme dalle regole, per così dire, dall'ufficialità.
    Fernanda Pivano

  • «esco dalla guardia di Dio e muoio» dice un verso di Michele Caccamo che pubblica un libro di poesie col titolo La stessa vertigine, la stessa bocca. Nato nel 1959 a Taurianova in Calabria, Caccamo si è occupato finora di Teatro. Un altro suo verso attesta le mie parole iniziali: «Con nessuno dividiamo la morte». La sua è una poesia di calma disperazione.
    Franco Loi

  • Gli accostamenti, le cesure, le metafore nude e ardite, hanno un taglio moderno, novecentesco, a volte sono ermetiche nella loro estrema concisione. E una insopprimibile malinconia, una rarefatta malinconia metafisica, ci arriva come una musica nascosta.
    Raffaele La Capria

  • Il suo estro è violento, ma la sua disperazione nasconde dolcezza. A me le poesie di Michele Caccamo piacciono.
    Luca Canali

  • Con l’anima e il castigo Michele Caccamo, ci conduce in un viaggio introspettivo, sempre più necessario a un’umanità troppo distante da se stessa. Un’opera che è un importante attestato spirituale.
    Pietrangelo Buttafuoco

  • L’anima e il castigo è un romanzo della coscienza. Una testimonianza di fede, per il messaggio inarrestabile di Cristo. Michele Caccamo ha trovato nella spiritualità il germoglio spontaneo della sua poetica e in questo romanzo richiama tutti, laici ed ecclesiastici, alla responsabilità e alla coerenza “divina”.
    Cardinale Francesco Coccopalmerio
    già Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per i testi legislativi

  • Ho conosciuto Michele Caccamo in modo assolutamente fortuito. Mi aveva inviato un libro La meccanica del pane che per molto tempo non ho aperto. Ho cominciato a sfogliarlo, dopo più di due mesi, forse per la curiosità del titolo. Sono rimasto rapito e frastornato dalla bellezza e dalla ricchezza delle immagini poetiche racchiuse in ogni pagina.
    Mimmo Locasciulli

  • Michele Caccamo non ha solo l’esperienza ma anche la passione per un lavoro di affiancamento umano e artistico.
    Grazia Di Michele

  • Ogni verso è un'impressione forte. Michele sa governare le parole con una maestria incredibile.
    Claudio Baglioni

  • La scrittura di Michele è illuminante, carnale e profonda. Ti lascia un segno nel profondo dell’anima. Il suo sentire viene da lontano, da qualcosa di antico e di sacro. Michele Caccamo ti inchioda e non ti molla, riesce a farti respirare la gioia e il dolore con un intensità unica e potente.
    Bungaro

Invia un messaggio

Sede operativa

Via Isonzo 34 00198, ROMA (Italia)

Telefono

+39 392 984 8782